Quali alimenti causano allergie?

Exp. Dall'ospedale di Emsey. Dott. Mesut Zeren richiama l'attenzione su una serie di sintomi che vanno dalla respirazione al cuore, dal sistema digerente al sistema muscolo-scheletrico e sottolinea la necessità di prendere precauzioni.

Cos'è un'allergia alimentare?

In generale, sarebbe opportuno raccogliere tutti i tipi di immagini anomale che possono essere causate dagli alimenti stessi o da altri fattori che possono essere assunti con gli alimenti, da meccanismi immunologici o non immunologici, sotto il titolo di reazioni alimentari.

Cosa sono le reazioni al cibo?

Possiamo dividere le reazioni al cibo in due gruppi: Il primo gruppo è il gruppo delle "intolleranze alimentari" che non ha allergeni e una reazione eccessiva del sistema di difesa, si verifica con altri meccanismi e ha risposte anormali. Il secondo gruppo è; Sono reazioni immunologiche, in altre parole, reazioni di ipersensibilità mostrate agli alimenti attraverso il sistema di difesa.

Quali sono i sintomi dell'allergia alimentare?

Pelle: Prurito, bruciore, arrossamento, febbre, brividi, formicolio, sudorazione, orticaria, vesciche, macchie rosse, brufoli.

Orecchio, naso e gola: Congestione nasale, starnuti, prurito nasale, naso che cola continuo. Scarico dalla gola, mal di gola, secchezza o fastidio, prurito al palato, tosse secca. Ronzio nelle orecchie, soffocamento, dolore, sordità moderata, vertigini e instabilità.

Occhi: Visione offuscata, dolore agli occhi, lacrimazione, strabismo, fastidio alle luci, contrazioni delle palpebre, prurito, arrossamento e gonfiore.

Respiratorio: Mancanza di respiro, respiro sibilante, tosse, formazione di muco nei bronchi.

Cardiovascolare: Palpitazioni cardiache, aumento della frequenza cardiaca, polso irregolare, vampate di calore, pallore, febbre, brividi, formicolio, arrossamento o lividi alle mani, svenimento, dolore alle vertebre.

Apparato digerente: Secchezza della bocca, aumento della secrezione di saliva, formazione di mughetto, amarezza della lingua, mal di denti, eruttazione, bruciore allo stomaco, indigestione, nausea, vomito, difficoltà a deglutire, rumore addominale, dolore, crampi, diarrea, prurito o bruciore nel retto.

Genito-urinario: Minzione frequente e dolorosa, incapacità di controllare l'urina, prurito o secrezione vaginale.

Sistema muscolo-scheletrico: affaticamento, debolezza muscolare, dolori articolari e muscolari, tensione, dolore toracico, mal di schiena, spasmi muscolari del collo.

Sistema nervoso: Mal di testa, emicrania, sonnolenza costante, vertigini, lentezza, ristagno, ottusità, malessere, serietà, pianto, tensione, ansia, iperattività, irrequietezza, irritabilità, mancanza di concentrazione, risate, sentirsi diversi dalle altre persone, parole, nomi o cose da fare Non dimenticare i numeri, balbetta.

Quali alimenti causano allergie?

Dopo che le persone sono nate, incontrano migliaia di cibi diversi nel corso della loro vita. Questi alimenti contengono elementi costitutivi più piccoli che chiamiamo nutrienti. Questi; proteine, grassi, carboidrati, acqua, vitamine e minerali. Oltre a tutti questi elementi nutritivi, gli additivi alimentari vengono aggiunti negli alimenti pronti. Tra i nutrienti, le sostanze che provocano allergie sono generalmente nella struttura delle proteine.

Gli alimenti che causano frequentemente allergie negli esseri umani sono: latte vaccino, uova, pesce e crostacei, noci sgusciate e grasse (come noci, arachidi), cereali, carne, frutta, verdura, legumi, spezie e condimenti, cioccolato, miele e alcuni bevande. Alcuni alimenti, come il latte e le uova, provocano reazioni allergiche più spesso di frutta e verdura. Le arachidi e la frutta a guscio causano reazioni più gravi di altre. Mentre alcuni alimenti causano reazioni allergiche, specialmente nella prima infanzia (12-24 mesi di allergia al latte vaccino), alcuni continuano per tutta la vita (come l'allergia alle arachidi).

Che ruolo svolgono gli additivi alimentari nello sviluppo di allergie alimentari?

Durante la lavorazione degli alimenti, gli additivi vengono aggiunti tecnologicamente per vari scopi. Queste sostanze sono utilizzate come conservanti, styling, coloranti o aromatizzanti. Ci sono numeri di codice che iniziano con E sulle etichette che indicano questi additivi. "E" indica che l'additivo è stato approvato nell'Unione Europea.

Con lo sviluppo delle tecnologie di produzione alimentare, è noto che diversi additivi aggiunti ai prodotti provocano varie reazioni allergiche. I solfiti, che sono importanti tra loro, si trovano in molti alimenti (sottaceti, patatine), bevande alcoliche e medicinali. Grave mancanza di respiro si verifica nel 5% dei pazienti asmatici a causa dell'ingestione di solfuri. Oltre a questi attacchi, provoca arrossamento e prurito alla bocca e alla pelle nelle persone. Il glutammato monosodico, che viene utilizzato come additivo, si trova naturalmente in alcuni alimenti o può essere aggiunto agli alimenti come esaltatore di sapidità (nelle zuppe, nella carne pronta e nel pollo). Il mal di testa chiamato "sindrome del ristorante cinese" può causare un'immagine che causa sintomi e disturbi come bruciore al collo, sensazione di pressione al petto, sudorazione e orticaria.

Quali sono i modi per affrontare le allergie alimentari?

Se ti è stata diagnosticata un'allergia alimentare, devi rimuovere il cibo a cui hai una reazione allergica dalla tua vita. Oltre a questa precauzione, tieni presente che ci sono alcuni trucchi a cui dovresti prestare attenzione.

Consulta un dietologo. Il tuo dietologo non solo fornisce informazioni sul cibo a cui sei allergico, ma ti aiuta anche a fornire la diversità alimentare senza quel cibo nella tua dieta.

Presta attenzione alle etichette degli alimenti. Non solo quando il cibo a cui hai una reazione allergica viene consumato da solo, ma anche quando è incluso in un altro alimento, provoca le stesse reazioni nel tuo corpo. Perciò; È necessario leggere attentamente le etichette degli alimenti e determinare se il cibo a cui si è allergici è incluso nel cibo che si acquisterà. Per esempio; Se sei allergico al latte, dovresti stare lontano dai cioccolatini al latte e acquistare cioccolato fondente.

Non smettere di leggere le etichette. Anche se si tratta di un prodotto che hai acquistato più e più volte, dovresti assolutamente rivedere l'etichetta ogni volta. Perché il contenuto del cibo potrebbe essere stato modificato.