Il virus della febbre del Nilo occidentale minaccia in particolare i bambini e le donne incinte

Alla morte di Yüksel Sezgin, che vive nel distretto Muratlı di Tekirdağ, a causa del virus del Nilo occidentale trasmesso dalle punture di zanzara, Uz. Dott. Elnur Rufullayev ha fatto importanti avvertimenti. Affermando che il virus ha iniziato a comparire in Turchia dal 2009, il Dr. Rufullayev ha affermato che il virus del Nilo occidentale (BNV) è stato trasmesso agli esseri umani attraverso il morso di zanzare infette. Affermando che il virus, che è una malattia infettiva virale, provoca febbre alta e talvolta disturbi neurologici che colpiscono il sistema nervoso, può causare un trattamento pericoloso per la vita poiché il suo trattamento non è completamente noto, Uz. Dott. Rufullayev ha affermato che soprattutto i bambini e le donne incinte dovrebbero essere protetti dalla malattia.

"UCCELLI E ZANZARE FORNISCONO LA CONTINUITÀ DEL VIRUS NELLA NATURA"

Sottolineando che le infezioni causate dal virus del Nilo occidentale sono presenti in molti paesi del mondo, la prevalenza del virus, che si osserva principalmente in Africa, Medio Oriente, Nord America e Asia occidentale, ha iniziato ad aumentare in Europa e nei paesi limitrofi nel 2018. Dott. Elnur Rufullayev ha detto: "Il virus viene trasmesso agli esseri umani dal morso di zanzare infette. Tuttavia, gli uccelli con le ali sono la fonte più importante di questo virus. Le zanzare vengono infettate quando succhiano il sangue dagli uccelli. E fornisce il ciclo che si svolge tra le zanzare ", ha detto.

A RISCHIO LE REGIONI DELLA MARMARA, DEL MEDITERRANEO, DELL'ANATOLIA CENTRALE E DELL'ANATOLIA SUD-EST

Affermando che il virus del Nilo occidentale è stato segnalato come casi sporadici in Turchia nel 2009, Uz. Dott. Rufullayev ha dichiarato: "Il virus è diventato attuale nel nostro paese dopo che il caso è stato segnalato come sospetta malattia virale di causa sconosciuta dal Manisa State Hospital nel 2010. Le infezioni acute del Nilo occidentale sono state definite per la prima volta come un'epidemia nel nostro paese nel 2010-2011. e le regioni del Mediterraneo, dell'Anatolia centrale, dell'Anatolia sud-orientale e della Marmara. Le regioni epidemiche si trovano sulle principali rotte migratorie degli uccelli. La malattia arriva principalmente nel nostro paese da Italia, Grecia, Romania, Ungheria, paesi dell'Unione Europea e paesi limitrofi all'Unione Europea ha detto.

"I SINTOMI RITARDI DI VIRUS ESTENDONO I tempi di guarigione"

Dicendo che il virus si è visto soprattutto a giugno e settembre, Uz. Dott. "Il periodo di incubazione del virus del Nilo occidentale, che viene trasmesso all'uomo dalla puntura di zanzare infette, è compreso tra 3-14 giorni. I sintomi acuti compaiono tra 3-10 giorni. Tuttavia, in alcuni pazienti, i sintomi possono essere prolungati e questo prolungamento può prolungare il periodo del paziente fino alla guarigione. In epidemie passate. La dimensione diffusa dei linfonodi è frequente, ma raramente ha iniziato a essere osservata nelle recenti epidemie. La malattia può anche progredire con un quadro di febbre virale chiamato febbre del Nilo occidentale o a quadro della malattia più grave che coinvolge il sistema nervoso Virus neuroinvasivo del Nilo occidentale, infezione cerebrale (encefalite), infezione cerebrale Può progredire con infezione della membrana (meningite) o paralisi. In questi pazienti, la febbre è accompagnata da segni e sintomi di meningite, encefalite o paralisi ", ha detto.

SINTOMI DEL VIRUS

Irritato. Dott. Per quanto riguarda i sintomi del virus, Rufullayev ha detto:

"Insorgenza improvvisa di febbre, debolezza, eruzioni cutanee, nausea, vomito, dolore addominale e diarrea, disturbi del sistema digerente, mal di testa, rigidità del collo, incapacità di tenere il collo dritto, cambiamenti nella coscienza, confusione mentale, dolore dietro l'occhio, dolori muscolari , tremori e debolezza, letargia, coma e paralisi ".

"I BAMBINI E LE DONNE IN GRAVIDANZA DEVONO ESSERE OSSERVATI"

Nei primi giorni del paziente che presentava sintomi del virus del Nilo occidentale, specialista in malattie infettive e microbiologia clinica, che ha affermato che la malattia dovrebbe essere rilevata esaminando i geni del virus nel siero, nel liquido cerebrospinale e nelle urine nei primi giorni. Elnur Rufullayev, "Nei giorni successivi (8-21 giorni), la diagnosi sierologica può essere fatta da siero, liquido cerebrospinale e urina. Non esiste un trattamento noto per le infezioni da BNV e un farmaco efficace raccomandato per il trattamento. Pertanto, il trattamento di supporto dovrebbe essere Il fluido per via endovenosa, il supporto respiratorio e il trattamento per la prevenzione delle infezioni successive devono essere somministrati mediante ospedalizzazione. In soggetti immunocompromessi come anziani, bambini, donne in gravidanza e pazienti affetti da HIV / AIDS, la malattia può progredire gravemente e causare un pericolo di vita infezione del sistema nervoso. "È estremamente importante essere protetti dalle infezioni da BNV, per le quali non esistono ancora cure e vaccini. Per questo, dovrebbero essere prese misure di protezione personale, dovrebbero essere implementati programmi di controllo delle zanzare e dovrebbero essere sottoposti a screening i donatori di sangue . "