Come dovrebbe essere la cura dei capelli in menopausa? Ecco la risposta ...

Sebbene molte donne non considerino la caduta dei capelli associata alla menopausa, il 40% delle donne sperimenta la caduta dei capelli durante la menopausa. L'aumento della caduta dei capelli può iniziare dopo i 45 anni di età, che è definita come pre-menopausa, oppure può essere osservato 1-2 anni dopo la menopausa. Può anche essere visto in età precoce nelle persone che sono entrate in menopausa in tenera età.

Durante la menopausa, la mancanza della produzione di ormoni estrogeni e progesterone chiamati ormoni femminili può influenzare il metabolismo di tutto il corpo e influenzare negativamente la crescita dei capelli. Come risultato della diminuzione degli estrogeni, l'ormone maschile Testosterone nel sangue non aumenta ma diventa l'ormone più dominante e svolge il ruolo principale nell'indebolimento dei capelli.

Il fattore principale che provoca la caduta dei capelli in menopausa è la predisposizione genetica. Le persone con una storia familiare di debolezza dei capelli possono vedere che questa tendenza si attiva durante la menopausa. Fattori come disfunzione tiroidea, problemi di pressione sanguigna, diabete, insulino-resistenza, problemi di peso, problemi intestinali e gli effetti collaterali dei farmaci utilizzati possono aumentare il grado di caduta dei capelli.

SINTOMI DI PERDITA DI CAPELLI NELLA MENOPOSI:

  • I capelli non crescono come prima,
  • Spargimento intenso,
  • Riduzione del volume senza perdite,
  • Apertura nella separazione dei capelli,
  • Regressione nelle entrate dei capelli

COME PREVENIRE LA CADUTA DEI CAPELLI NELLA MENOPOSI?

La crescita dei capelli è influenzata da fattori quali dieta, stato di salute, farmaci utilizzati, livello di stress e suscettibilità genetica. Per questo motivo, alcune persone mirano a ridurre la caduta dei capelli e posticipare la caduta, mentre alcune persone ottengono risultati sotto forma di preservare i capelli esistenti. A volte la crescita dei capelli può essere ripristinata. I risultati variano a seconda dei metodi da preferire.

COSA DOVREBBE ESSERE FATTO?

Per conoscere i valori del sangue: Durante questo periodo, le abitudini alimentari possono cambiare, la quantità può essere ridotta o un sano assorbimento potrebbe non essere dovuto a problemi di stomaco e intestinali. La carenza di vitamine e minerali dovrebbe essere identificata con un esame del sangue dettagliato. Per i valori mancanti, dovrebbe essere preso il rinforzo. Particolarmente utili sono gli integratori alimentari contenenti gli amminoacidi per capelli tirosina, L-cistina e metionina.

Sopprimere DHT: La base per controllare la caduta dei capelli in menopausa è prevenire la conversione dell'ormone maschile Testosterone, che diventa più dominante e attivo, in DHT in una forma indebolente e distruttiva nelle guaine dei capelli. Ci sono lozioni topiche prodotte per questo scopo. Contiene ingredienti attivi che possono sopprimere il DHT. È necessario utilizzare questo tipo di lozione regolarmente per 6-8 mesi applicandola sul cuoio capelluto.

Aumento del flusso sanguigno: Con l'avanzare dell'età, diminuisce anche il tasso di autorinnovamento del corpo e delle cellule. Anche la sintesi della cheratina della pelle sta rallentando. Per mantenere i capelli in fase di crescita più a lungo, è opportuno utilizzare lozioni che aumentano la circolazione sanguigna nel cuoio capelluto. Oggi, l'ingrediente attivo della lozione più comunemente preferito è il "minoxil". Tuttavia, potrebbe non essere adatto a tutte le persone e dovrebbe essere assolutamente valutato parlando con un operatore sanitario.

Terapia con luce laser: La terapia laser stimola il metabolismo cellulare e accelera la circolazione sanguigna. Rivitalizza così i capelli indeboliti e diradati e attiva la formazione di nuovi capelli.

Uso di integratori a base di estrogeni a base di erbe: In natura, ci sono piante (fitoestrogeni) che mostrano effetti simili agli estrogeni. Cohosh nero di igname selvatico, trifoglio rosso (trifolium pratense), olio di primula, cohosh nero (cimicifuga racemosa), soia.

Le isoflavine fornite da queste piante sono state utilizzate per anni per ridurre i disturbi della menopausa. Possono anche utilizzare preparati o lozioni topiche contenenti queste erbe per la caduta dei capelli in menopausa. Gli integratori alimentari a base di estrogeni a base di erbe sono prodotti che dovrebbero essere utilizzati dopo aver consultato un medico per le persone con una storia familiare di cancro. Per questo motivo, sono preferite le lozioni utilizzate sul cuoio capelluto.

Ottenere supporto da diversi metodi di rigenerazione cellulare: Sebbene esistano trattamenti tricologici, PRP, mesoterapia, terapia micro dermica, procedure diverse, lo scopo principale è quello di innescare la formazione di più collagene, acido ialuronico, fibrilla di elastina mediante secrezione di ormoni della crescita attorno al follicolo pilifero e al follicolo. Pertanto, anche i follicoli piliferi vengono rafforzati e la crescita dei capelli può essere più veloce.

Per ottenere risultati da tutti questi metodi, è necessario utilizzare il metodo consigliato per la caduta dei capelli in menopausa per 4-6 mesi regolarmente.