Cos'è un tumore alla vescica? Quali sono i sintomi? Quali sono i metodi di trattamento?

Cancro alla vescica

L'urina si forma nei reni e viene trasmessa alla vescica da strutture tubolari chiamate uretere, e da lì viene espulsa dal corpo attraverso l'uretra. I muscoli della vescica agiscono come una sorta di pompa per espellere l'urina dal corpo. La superficie interna della vescica è ricoperta da uno strato sottile chiamato urotelio. Al di sotto si trova uno strato di tessuto connettivo lasso chiamato lamina propria. Sulla parte più esterna, c'è uno spesso strato muscolare (detrusore) da tutti loro.

Il cancro alla vescica è il sesto tumore più comune negli Stati Uniti. 65mila persone ottengono questa diagnosi ogni anno e 12-14mila persone muoiono a causa di questa causa. Negli ultimi anni è stato osservato un aumento costante della sua incidenza, ma anche i tassi di sopravvivenza sono aumentati a causa dei progressi nel trattamento.

Cos'è un tumore alla vescica?

Qual è la causa del cancro alla vescica?

Il modo in cui il cancro della vescica emerge e progredisce può essere spiegato solo parzialmente. Sono state identificate alcune sostanze note per provocare il cancro. Gli agenti cancerogeni presenti nel fumo di sigaretta e alcuni prodotti chimici industriali sono i principali. Negli Stati Uniti, il fumo di sigaretta da solo è noto per rappresentare la metà di tutti i tumori della vescica. È stato stabilito che l'esposizione prolungata a sostanze chimiche come vernici e solventi sul posto di lavoro è anche responsabile del 20-25% di tutti i tumori. Gli agenti cancerogeni vengono filtrati dal sangue attraverso i reni, ma entrano in contatto con la superficie della vescica per diverse ore prima di essere completamente escreti nelle urine. In questo modo, la vescica diventa un organo ad alto rischio di cancro, soprattutto per i fumatori.

Più del 90% dei tumori della vescica derivano dall'urotelio. La maggior parte dei tumori diagnosticati ha colpito l'urotelio o la lamina propria, ma non ha invaso lo strato muscolare.

Quali sono i sintomi del cancro alla vescica?

Il sintomo più tipico è il sangue nelle urine (ematuria). È visto in quasi tutti i casi ed è generalmente indolore. Come si può vedere ad occhio nudo nelle urine, a volte viene rilevato solo all'esame microscopico delle urine. Il sangue nelle urine, proprio come il sangue nelle feci o nell'espettorato, è potenzialmente un segno di cancro e non dovrebbe essere ignorato.

L'ematuria da sola non indica il cancro alla vescica. Ci sono altre situazioni che possono causare questo. Ad esempio, anche un'infezione delle vie urinarie o calcoli renali possono causarla. È importante sapere che l'ematuria microscopica in particolare può essere presente in alcuni individui senza problemi significativi. Sono necessari test diagnostici per mostrare la presenza di cancro alla vescica.

Altri sintomi sono minzione frequente e dolore durante la minzione (disuria). Tali sintomi "irritativi" sono meno comuni. Tuttavia, se questi sintomi vengono rilevati in assenza di infezione urinaria, è necessario assicurarsi che il cancro della vescica non sia presente.

Come viene diagnosticato il cancro alla vescica?

L'esame inizia con una raccolta dettagliata dell'anamnesi e un esame fisico. Il rapporto con le abitudini del tabacco e le sostanze chimiche è messo in discussione. Poiché l'ematuria può originarsi ovunque nel tratto urinario, è opportuno esaminare i reni, gli ureteri e la vescica. A tale scopo, viene eseguita l'ecografia o la tomografia urinaria (tomografia computerizzata senza contrasto che si concentra sulle vie urinarie).

Lo strumento diagnostico più importante dell'urologo è la cistoscopia. La cistoscopia è l'esame visivo dell'interno della vescica con un dispositivo ottico. Questa procedura può essere eseguita in anestesia locale in condizioni di studio o in sala operatoria in anestesia generale. Un dispositivo chiamato cistoscopio viene fatto avanzare alla vescica attraverso l'uretra, e quindi la superficie interna della vescica viene valutata in dettaglio in termini di cancro.

Se il tumore viene rilevato, vengono registrate caratteristiche come l'aspetto, la posizione, il numero e le dimensioni e i tumori vengono rimossi chirurgicamente con questo dispositivo chiamato defaresettoscopio. Tuttavia, questa procedura viene eseguita in anestesia generale. Il resettoscopio è simile in linea di principio al cistoscopio, ma alla fine c'è un filo, un semianello (anello) che può essere spostato e la corrente può fluire per rimuovere i tessuti. Questo processo è chiamato resezione trans-uretrale (TUR) perché viene eseguito dall'uretra (senza incisione). Il tessuto rimosso viene inviato a uno specialista (patologo) che interpreta i cambiamenti causati da malattie nei tessuti per l'esame.

Le opzioni di trattamento del cancro alla vescica sono la chirurgia, la chemioterapia, la terapia biologica e la radioterapia.

La scelta del metodo di trattamento dipende dai seguenti fattori:

  1. La posizione del tumore nella vescica
  2. Se il tumore si è diffuso allo strato muscolare o ai tessuti circostanti diversi dalla vescica
  3. Se il tumore si è diffuso ad altre parti del corpo
  4. Il grado di tumore
  5. L'età e la salute generale del paziente

Nel prendere una decisione sul trattamento, il paziente deve essere visitato da un team esperto composto da un urologo, un radioterapista e un medico oncologo. Il paziente deve essere informato sui possibili risultati e sugli effetti collaterali del trattamento da selezionare.

Chirurgico

La chirurgia è il metodo di trattamento utilizzato in molti pazienti con cancro alla vescica. Le alternative chirurgiche sono elencate di seguito.

Resezione transuretrale (TUR): è possibile rimuovere il tumore in anestesia generale o spinale con l'aiuto della cistoscopia nello stadio 0 e 1 del cancro della vescica. Con l'aiuto della cistoscopia, è possibile rimuovere il tumore inviando lo strumento di taglio nella vescica. L'operazione TUR può essere ripetuta e dopo questo tipo di intervento è possibile applicare la chemioterapia o la terapia biologica. Sangue nelle urine e dolore durante la minzione possono essere osservati per alcuni giorni dopo la TUR.

Chirurgia aperta: Il chirurgo urologico rimuove una parte o tutta la vescica con un'incisione praticata nel tuo corpo.

Cistectomia parziale: In presenza di un singolo e piccolo tumore nella vescica, il chirurgo potrebbe non aver bisogno di rimuovere l'intera vescica e la vescica viene parzialmente rimossa. Dopo questo tipo di intervento chirurgico, possono esserci lamentele sulla ritenzione urinaria, ma può migliorare nel tempo.

Cistectomia radicale: È la rimozione dell'intera vescica. Negli estrattori della vescica di stadio II e III, l'intera vescica viene rimossa. Il chirurgo rimuove la vescica, i linfonodi circostanti e parte dell'uretra. Inoltre, la prostata viene rimossa nei pazienti di sesso maschile e l'utero viene rimosso nelle pazienti di sesso femminile. Poiché la vescica viene rimossa, il chirurgo crea una nuova vescica dall'intestino o l'urina viene raccolta all'esterno del corpo. Quando la prostata o l'utero vengono rimossi, non è possibile per questi pazienti avere figli. Le operazioni alla vescica causano disfunzione sessuale nei pazienti.

Il periodo di recupero richiede un po 'di tempo dopo l'operazione e i pazienti si sentono stanchi e deboli durante questo periodo. Potrebbero essere necessari farmaci per il dolore. Dopo TUR o volontà parziale, è necessario del tempo affinché l'uretra guarisca e viene utilizzato un catetere urinario per iniziare l'urina. Il catetere rimane nei pazienti per un periodo compreso tra 5 giorni e 3 settimane.

Chemioterapia (terapia farmacologica)

La chemioterapia è una terapia farmacologica utilizzata per uccidere le cellule tumorali. La chemioterapia può essere somministrata prima o dopo l'intervento chirurgico. La chemioterapia può essere somministrata nella vescica, per via orale o endovenosa. La chemioterapia viene solitamente somministrata in cicli con periodi di riposo intermedi. Alcuni effetti collaterali possono verificarsi a seconda della via di somministrazione, della dose e del paziente sottoposto a chemioterapia.

Cellule del sangue:I farmaci chemioterapici riducono il numero di cellule del sangue sane e tendono a infezioni, sanguinamento e causano affaticamento e debolezza. Se il numero di cellule del sangue scende troppo, la dose di chemioterapia viene ridotta o interrotta.

La perdita di capelli: La caduta dei capelli si verifica quando vengono applicati alcuni farmaci chemioterapici, ma dopo la fine del trattamento i capelli ricrescono con un colore e una struttura leggermente diversi.

Apparato digerente: A causa della chemioterapia possono verificarsi perdita di appetito, nausea, vomito, bocca e ferite da preghiera. Durante questo periodo, questi effetti collaterali vengono ridotti con trattamenti di supporto.

Trattamenti biologici

Una soluzione contenente batteri attenuati chiamata BCG viene applicata ai pazienti con carcinoma della vescica in stadio iniziale per rafforzare il sistema immunitario. Poche settimane dopo l'applicazione del TUR, BCG viene applicato alla vescica con l'ausilio di un catetere e vi viene tenuto per circa 2 ore. BCG viene applicato una volta alla settimana per 6 settimane. Questa applicazione è realizzata per prevenire la recidiva del cancro. Durante il trattamento con BCG si possono osservare minzione frequente, sanguinamento nelle urine, debolezza, febbre e sudorazione.

Radioterapia

La radioterapia (radioterapia / radioterapia) è l'uso di raggi ad alta energia per eliminare il cancro. Poiché può essere applicato dopo l'intervento chirurgico, viene utilizzato principalmente al posto della chirurgia con chemioterapia in pazienti con carcinoma della vescica avanzato. Pertanto, le vesciche dei pazienti rimangono al loro posto e viene fornita la possibilità di trattamento. La radioterapia viene applicata 5 giorni a settimana, circa 15-30 minuti e per 5-6 settimane. La radioterapia è un trattamento indolore e ha alcuni effetti collaterali. Provoca debolezza, diarrea, nausea e alcuni disturbi alle vie urinarie.