Metodi in medicina nucleare

Quali sono i metodi diagnostici in Medicina Nucleare?

La medicina nucleare è una scienza in cui vengono monitorate le funzioni di organi o sistemi e alcune malattie vengono trattate introducendo materiali radioattivi nel corpo. La radioattività è stata utilizzata a beneficio dell'umanità per oltre un secolo. Trova un campo di applicazione crescente nella diagnosi e nel trattamento delle malattie. Consente di ottenere informazioni che non possono essere fornite con nessun altro metodo e offre un trattamento estremamente facile e confortevole in molte malattie.

Nelle applicazioni di Medicina Nucleare, le sostanze radioattive (radionuclidi) sono legate ad alcuni farmaci speciali (farmaci) che entreranno nella funzione del relativo organo o tessuto e sono solitamente somministrate al corpo umano per via endovenosa o orale. Questi composti, chiamati "radiofarmaci", sono specifici per ogni organo o sistema. Quando vengono utilizzati diagnosticamente, inviano messaggi emettendo "raggi gamma" dall'organo o dal tessuto in cui funzionano nel corpo. Questo messaggio viene rilevato da dispositivi chiamati "gamma camera" che rilevano quando, dove, a quale livello e per quanto tempo la molecola etichettata con sostanze radioattive si trova nel corpo e viene convertita in un'immagine (1). Consente la valutazione della funzione dell'organo interessato. Questa funzione è registrabile anche numericamente e se ripetuta nel tempo fornisce valori confrontabili.

Quali sono i metodi diagnostici in Medicina Nucleare?

Le fotocamere gamma sono una specie di fotocamera. Non si irradiano. Proprio come le fotocamere convertono i fotoni di luce presenti in natura in immagini, così le fotocamere gamma convertono i fotoni di raggi gamma dal corpo umano in immagini. Questa immagine funzionale ottenuta in Medicina Nucleare è chiamata "scintigrafia"; come la scintigrafia tiroidea, la scintigrafia ossea, la scintigrafia renale ...

I materiali radioattivi vengono utilizzati anche per il trattamento in medicina nucleare. Le sostanze radioattive somministrate all'organismo a scopo terapeutico, invece, emettono "raggi beta" e distruggono i tumori oi tessuti indesiderati in cui entrano.

Applicazioni di medicina nucleare,

1. Nessun danno o fastidio al paziente (non invasivo).

2. Non ha allergie ed effetti collaterali;

3. Sono metodi molto sensibili e specifici per uno scopo;

4. Forniscono informazioni funzionali a livello fisiologico, metabolico e molecolare;

5. Le informazioni sono anche numeriche, quindi quando vengono ripetute possono essere confrontate tra loro (1).

VI SONO DANNI ALLE SOSTANZE RADIOATTIVE UTILIZZATE?

I radiofarmaci utilizzati in Medicina Nucleare sono sostanze radioattive a bassa radiazione, di breve durata e non si accumulano nell'organismo, prodotte appositamente per essere somministrate al corpo umano in laboratorio. Il farmaco radioattivo si riduce fisicamente spontaneamente e viene eliminato dall'organismo attraverso l'urina, il sudore e l'intestino (2).

I farmaci radioattivi utilizzati nella medicina nucleare non hanno effetti collaterali ed effetti allergici. Queste sostanze possono essere utilizzate con sicurezza in pazienti di tutte le età e bambini a dosi variabili in base all'età e al peso (3).

Nelle applicazioni di medicina nucleare, il paziente riceve un livello molto basso di radiazioni. Questo livello è inferiore a quello ottenuto nell'imaging tomografico che tutti noi otteniamo frequentemente. In studi di oltre sessant'anni, non sono stati rilevati danni temporanei o permanenti da radiazioni da pratiche di medicina nucleare.

Principali apparecchiature tecnologiche utilizzate in Medicina Nucleare:

* Gamma camera in grado di SPECT a testa singola o doppia,

* PET / TC,

* Sistema Technegas per studi sui polmoni,

* Dispositivo per la misurazione della densità ossea (DEXA),

* 'Sonda gamma' che può essere utilizzata in chirurgia,

* Laboratorio RIA

PERCHÉ È UN APPUNTAMENTO PER LA MEDICINA NUCLEARE?

In medicina nucleare, è necessaria una preparazione preliminare per quasi ogni imaging e trattamento. Per alcuni test è necessario essere affamati, per alcuni alcuni farmaci dovrebbero essere sospesi o utilizzati con qualche giorno di anticipo. Sebbene alcuni fattori che possono influire sulla funzione pertinente vengano eliminati per gli esami, alcuni fattori dovrebbero essere rilevati in modo più efficace del normale prima o durante l'imaging. I pazienti vengono avvertiti della preparazione preliminare che devono eseguire per l'esame pertinente e vengono informati fissando un appuntamento per il tempo appropriato. Per tutti questi motivi, è importante che il paziente si rechi alla clinica di medicina nucleare e prenda un appuntamento il più possibile.

PERCHÉ È NECESSARIO PRESENTARE IL MODULO DI RICHIESTA DI ESAME E PORTARE CON ME TUTTI I CONTROLLI EI FILM PRECEDENTI?

I metodi di medicina nucleare sono specifici allo scopo. Per questo motivo il medico che richiede l'esame, scrivendo in dettaglio qual è la richiesta mirata, aumenta il beneficio atteso dall'esame.

Gli esami scintigrafici forniscono una query funzionale. Tutti i filmati precedenti, i dati clinici e biochimici finali del paziente sono efficaci nella valutazione scintigrafica. Per questo motivo, è necessario per una valutazione più accurata del paziente portare tutti gli esami precedenti e i filmati sulla malattia mentre si reca nella nostra clinica.

QUANTO DURANO GLI ESAMI DI MEDICINA NUCLEARE?

Le applicazioni di Medicina Nucleare Clinica sono generalmente suddivise in tre (3):

1. Terapia con radionuclidi: È più comunemente usato nel trattamento dell'ipertiroidismo (gozzo tossico) e nel trattamento dei tumori della tiroide (con iodio radioattivo: I-131). Inoltre, la terapia con radionuclidi viene utilizzata nel trattamento dell'artrite (per sinovectomia), nei casi di linfoma che non rispondono ad altri metodi e per alleviare il dolore nelle metastasi ossee e si ottengono risultati positivi.

2. Applicazioni diagnostiche senza immagine: Viene applicato utilizzando sostanze radioattive dirette a un bersaglio specifico nel corpo e contando queste sostanze dall'esterno del corpo. Per esempio; Rilevare e guidare il chirurgo con l'ausilio di dispositivi in ​​grado di misurare la presenza di materiale radioattivo durante operazioni come il cancro al seno, l'adenoma paratiroideo o il cancro della tiroide (applicazioni di sonde gamma) sono diventati abbastanza comuni negli ultimi anni.

3. Applicazioni di diagnostica visiva: Questa è la pratica più comune nelle cliniche di medicina nucleare. Si divide in tre in base alle caratteristiche del materiale radioattivo utilizzato e del dispositivo di imaging:

a) Vista planare: Esami come la scintigrafia tiroidea, la scintigrafia renale, la scintigrafia ossea di tutto il corpo sono esempi di questo tipo di imaging. Le immagini bidimensionali vengono acquisite in imaging planare.

b) SPECT (Tomografia computerizzata a emissione di fotone singolo): La gamma camera ruota attorno a un organo e visualizza la distribuzione del materiale radioattivo all'interno dell'organo in tre dimensioni (tomografica). Perfusione miocardica SPECT (scintigrafia cardiaca) e perfusione cerebrale SPECT, che sono frequentemente utilizzate oggi, sono tali studi.

c) PET (tomografia a emissione di positroni): È il nome dato al metodo di imaging tomografico eseguito con molecole radioattive che emettono positroni e speciali dispositivi di imaging. Oggi, dopo la somministrazione di zucchero radioattivo (18FDG) all'organismo, il monitoraggio della sua distribuzione è la pratica più comune. È noto che è ancora il metodo più sensibile disponibile per mostrare i tessuti tumorali.

Sia l'imaging SPECT che l'imaging PET possono essere eseguiti con il metodo GATED. GATED è un metodo in cui è possibile ottenere immagini in movimento dividendo i due battiti del cuore in 8, 16 o 32. Pertanto, è possibile monitorare i movimenti e l'ispessimento della parete cardiaca.

ALCUNE APPLICAZIONI DI MEDICINA NUCLEARE CLINICA:

Nelle malattie endocrinologiche:

Valutazione gozzo / nodulo (scintigrafia tiroidea con pertecnetato Tc-99m)

• Trattamento del gozzo tossico (ipertiroidismo) (con terapia con iodio radioattivo, I-131)

• Trattamento del cancro della tiroide (con terapia con iodio radioattivo, I-131)

Diagnosi di ingrossamento delle ghiandole paratiroidi (Scintigrafia paratiroidea)

Rilevazione delle malattie metaboliche delle ossa (scintigrafia ossea)

Nelle malattie cardiache (scintigrafia per perfusione miocardica, SPECT o PET, GATED)

• Selezione dei pazienti che trarrebbero beneficio dal tentativo di puntura venosa (bypass PTCA, palloncino).

• Valutazione dell'efficacia dopo tentativo di apertura vascolare (Bypass, PTCA, palloncino).

• Valutazione dei pazienti che verranno operati per altri motivi in ​​termini di rischio cardiaco

• Diagnosi e localizzazione dell'infarto prima che si verifichino cambiamenti enzimatici, determinazione e follow-up

Determinazione della vitalità dell'area dell'infarto e del muscolo cardiaco circostante (vitalità)

Nelle malattie renali

Diagnosi di ipertensione arteriosa dovuta a stenosi vascolare renale (Renogramma con Captopril)

• Studio del contributo di entrambi i reni alla funzione totale

• Valutazione del rene trapiantato (Dynamic Kidney Scintigraphy)

• Diagnosi di infiammazione del rene (pielonefrite) (DMSA Kidney Scintigraphy)

Diagnosi di danno renale (tessuto cicatriziale) (DMSA Kidney Scintigraphy)

• Diagnosi di perdite dalla vescica urinaria ai reni (cistouretrogramma con radionuclidi, noto anche come scintigrafia da reflusso vescico-ureterale).

Nelle malattie oncologiche

Stadiazione del tumore (scintigrafia ossea, PET / TC)

• Individuazione delle metastasi (scintigrafia ossea, PET / TC)

Valutazione della risposta al trattamento (PET / TC)

Determinare se i tumori al seno sono maligni (sintimamografia)

Rilevazione dell'arresto linfatico di guardia (Sentinel Lymph Node Scintigraphy)

Trattamento con Y-90 Zevalin in alcuni tipi di linfoma (linfoma non Hodgkin),

Diagnosi e trattamento del feocromocitoma e del neuroblastoma (con MIBG)

Sollievo dal dolore nelle metastasi ossee (Sm-153, Sr-89, Rhenium-186)

Embolizzazione nei tumori del fegato (terapia con radionuclidi intra-arteriosi)

Terapia del recettore della somatostatina (con In-111 Ostreotide)

Nelle malattie ortopediche (scintigrafia ossea, HDP o MDP)

Diagnosi di infiammazione ossea (osteomielite)

• Diagnosi di malattie articolari e determinazione della loro prevalenza

Identificazione del carattere delle lesioni ossee (benigne / maligne)

• Determinazione del sito bioptico nei tumori ossei

• Rilevare la presenza di metastasi o saltare le metastasi "salta" nei tumori ossei.

Determinazione di malattie come necrosi avascolare, distrofia simpatica riflessa

Trattamento con Y-90 nelle malattie infiammatorie delle articolazioni (come l'artrite reumatoide) o nelle malattie articolari dovute all'emofilia (sinovviectomia con radionuclidi)

Nelle malattie polmonari (Ventilazione polmonare / Scintigrafia perfusione)

Previsione della funzione respiratoria polmonare dopo chirurgia polmonare

• Valutazione del polmone trapiantato

Valutazione dell'escrezione di gas polmonare (scintigrafia inalatoria con DTPA)

Nelle malattie neurologiche (Brain Perfusion SPECT)

Diagnosi della malattia di Alzheimer

Valutazione prima della chirurgia dell'arteria carotide

• Determinazione della posizione focale dell'epilessia

Determinazione della situazione dopo un trauma cranico

Nelle malattie del sistema gastrointestinale

Test del respiro dell'urea (diagnosi indiretta del microbo Helicobacter Pylori nello stomaco)

• Diagnosi di ostruzione o assenza congenita dei dotti biliari (da Hepatobiary Scintigraphy, HIDA).

• Scintigrafia Fegato-Milza (con colloide di stagno, colloide di zolfo)

Scintigrafia di Meckel (con pertecnetato Tc-99m)

• Scintigrafia delle ghiandole salivari (per valutare l'escrezione della secrezione salivare)

Altre applicazioni

Rilevazione dell'ostruzione nei tratti linfatici (con linfoscintigrafia, stagno-colloide, zolfo-colloide)

Scintigrafia del midollo osseo (con colloide di stagno, colloide di zolfo)

• Scintigrafia con etichetta leucocitaria (per rilevare aree infiammatorie nel corpo)

• Dacriosscintigrafia (per la valutazione del condotto lacrimale)