Cos'è la celiachia? Come si prepara la dieta per celiaci?

La celiachia è una malattia ereditaria. Per effetto degli effetti ambientali, il danno che si sviluppa nell'intestino tenue con sporgenze millimetriche simili a dita nel tempo provoca l'assorbimento di alcuni nutrienti e provoca la celiachia.

Quali sono i sintomi della celiachia?

Sebbene i sintomi della celiachia variano in base all'età, inizia con sintomi come perdita di peso, dolore addominale e gonfiore addominale in età adulta ed è associato a una clinica più ampia con sintomi aggiuntivi che si sviluppano a causa di nutrienti che non possono essere assorbiti nel tempo. In particolare, possono verificarsi riassorbimento osseo, mal di schiena e dolori articolari a causa del mancato assorbimento delle vitamine liposolubili. Ancora una volta, a causa delle relazioni con il potassio, possono svilupparsi dolori muscolari e crampi. Uno dei sintomi più importanti è lo sviluppo di sintomi come l'affaticamento dovuto a carenza di ferro e l'anemia dovuta a carenza di ferro, palpitazioni, stanchezza rapida, perdita di capelli e sintomi associati possono diffondersi a un'ampia varietà di sintomi.

I sintomi della celiachia si basano su un'ampia varietà. I sintomi più comuni sono dolore addominale, diarrea o occasionali attacchi di diarrea e distensione addominale. Oltre a questi, potrebbe esserci perdita di peso.

Lo stress apre anche la strada alla celiachia

Alcune infezioni virali e situazioni di stress possono causare il verificarsi della malattia. Sebbene si manifesti a qualsiasi età, è più comune nei bambini di 8-12 mesi e nei 30-40 anni. Può verificarsi anche in età avanzata. Malattia "latente" o "celiachia silenziosa" è un termine usato per i pazienti con una predisposizione ereditaria, ma senza i segni tipici di questa malattia.

La celiachia si insedia in questi pazienti nel tempo.

La vera frequenza della celiachia è sconosciuta. Studi sierologici sul sangue nella banca del sangue suggeriscono che questa malattia può essere riscontrata in una persona su 300.

Come viene trattata la celiachia?

La celiachia può causare seri problemi se non diagnosticata precocemente. Quelli con disturbi simili ai sintomi sopra descritti o una storia familiare di celiachia dovrebbero consultare uno specialista di medicina interna o un gastroenterologo. Fino al 10 per cento di quelli con malattia celiaca; La stessa malattia può essere vista nella madre, nel padre, nel fratello o nei figli. Le donne la cui anemia peggiora significativamente durante la gravidanza dovrebbero essere studiate in termini di celiachia.

Una dieta rigorosamente priva di glutine costituisce la base del trattamento della celiachia.

A tal fine, non si dovrebbero mai consumare alimenti a base di cereali contenenti glutine (grano, orzo e segale). I prodotti a base di riso, mais, patate e farina di soia sono commestibili. Non c'è nulla di male nel mangiare frutta, verdura, uova e prodotti a base di carne.

Seguire una dieta priva di glutine può essere più costoso, difficile e noioso di una normale dieta. Pertanto, non è consigliabile seguire una tale dieta senza una diagnosi definitiva. Poiché questi pazienti possono anche avere una carenza di lattosio (intolleranza al lattosio), si raccomanda di non assumere latte e latticini all'inizio.

Giorni dopo aver iniziato una dieta priva di glutine, i reclami iniziano a diminuire. Sebbene i disturbi siano completamente eliminati, la guarigione completa della mucosa intestinale può talvolta richiedere fino a 2 anni, ma il recupero della mucosa intestinale di solito avviene entro 3-6 mesi.

Nei pazienti che seguono una dieta rigorosamente priva di glutine, la malattia mostra generalmente una buona prognosi.

Tra le malattie gravi che possono verificarsi a lungo termine (20-30 anni) in casi non trattati; linfoma dell'intestino tenue, ulcere dell'intestino tenue e celiachia collagenosa. La conversione al cancro può essere prevenuta con una dieta rigorosa.