Che cos'è una fistola, perché si manifesta, quali sono i sintomi?

La formazione di una connessione (canale) tra la pelle e l'intestino che normalmente non esiste è chiamata fistola. La formazione di una connessione anomala tra la parte intestinale (bocca primaria) nell'ano (bocca primaria) e la pelle (bocca secondaria) è chiamata fistola podalica o fistola perianale. In quasi tutti i casi, la fistola perianale formatasi a seguito di un ascesso in passato è un piccolo canale come un tunnel che collega la ghiandola dove si sviluppa l'ascesso e la pelle dove l'ascesso è drenato.

Il sistema di classificazione delle fistole perianali è ancora oggi ampiamente utilizzato. Esistono 4 tipi principali di fistole.

Cos'è una fistola?

Fistola extra-sfinterica: Costituisce l'1% delle fistole rettali. Si estende dalla pelle dell'ano chiamata perineo al muscolo elevatore dell'ano (il muscolo che circonda il pavimento pelvico) e da lì all'intestino chiamato retto.

Fistola inter-sfinterica: costituisce il 70% delle fistole rettali. Si estende dal muscolo anale interno (sfintere anale interno) allo spazio intersfinterico (tra il muscolo rettale interno ed esterno) e da lì alla pelle della culatta chiamata perineo. Altra possibile direzione del corso della fistola: non c'è bocca nella pelle, una bocca con un'estremità smussata alta.

Fistola trans sfinterica: Costituisce il 25% delle fistole rettali. Scorre basso tra lo sfintere anale interno (sfintere anale interno) e il muscolo podalico esterno (sfintere anale esterno) e si apre nella fossa ischio-rettale e si estende da lì alla pelle della culatta chiamata perineo. È una bocca che termina.

Fistola sopra-sfinterica: Costituisce il 5% delle fistole rettali. Si estende dallo spazio intersfinterico sopra il muscolo pubo-rettale (il muscolo alla base del bacino) allo spazio ischio-rettale e da lì alla pelle dell'ano chiamato perineo.

Diagnosi:

Motivo:

È la formazione di una vescicola piena di pus nell'area dell'ano. Termine rettale o medico, i pazienti con dolore, brividi, brividi e febbre intorno all'ano possono avere un ascesso rettale o una malattia della fistola rettale sottostante. L'ascesso rettale si sviluppa con ostruzione e infiammazione delle ghiandole secretorie nella regione dell'ano. Condizioni come l'infiammazione dell'intestino crasso e la diarrea eccessiva possono causare lo sviluppo di ascessi nell'ano.

Sintomi:

L'ascesso rettale viene trattato drenando il pus (processo di drenaggio) attraverso un'incisione nella pelle vicino all'ano. A volte, durante questa procedura, viene rimossa anche una piccola parte della pelle in modo che il pus possa essere drenato facilmente. Mentre gli ascessi grandi e profondi sono definitivamente evacuati in condizioni di sala operatoria e in anestesia generale, gli ascessi superficiali a volte possono essere eseguiti con l'anestesia locale, cioè intorpidendo quell'area. Pazienti diabetici, presenza di morbo di Crohn, pazienti sottoposti a trattamento antitumorale e sviluppo di ascessi in pazienti sottoposti a trapianto d'organo, questo trattamento deve essere effettuato mediante ricovero in ospedale. Consultare un medico in caso di dolore persistente nonostante gli antidolorifici, aumento del dolore dopo il trattamento, febbre, brividi, difficoltà a urinare, costipazione eccessiva o diarrea, nausea e vomito.

Trattamento della fistola:

Il principio principale del trattamento è rimuovere il tunnel che si è sviluppato tra l'intestino (bocca primaria) e la pelle (bocca secondaria). In genere si preferisce praticare un'incisione (fistulotomia) che unisca la bocca interna ed esterna del tunnel. Durante questa procedura, vengono tagliati anche alcuni muscoli che controllano la regione dell'ano. Se si determina che la fistola ha un rapporto eccessivo con il muscolo che controlla le feci (sfintere esterno o muscolo volontario), allora la procedura può essere rinforzata con un secondo intervento chirurgico, preferendo una riparazione in due fasi. Se è necessario tagliare le fibre muscolari esterne utilizzate per trattenere le feci, viene utilizzato il processo di seton. Il processo Seton viene eseguito collegando le bocche interne ed esterne del tunnel con una corda, nylon o gomma. Con questo processo, il tunnel si svuota costantemente verso l'esterno rimanendo aperto e quindi porta il vantaggio di non ferire le fibre muscolari esterne che vengono utilizzate per trattenere le feci. In casi più complicati, potrebbe essere necessario utilizzare tecniche come il metodo di scorrimento della mucosa.