Occlusioni arteriose (arteriose)

Può essere classificata come occlusione arteriosa acuta (sviluppo improvviso) o cronica.

Occlusione vascolare acuta

Il motivo più comune è che i coaguli formati sulle valvole cardiache danneggiate si rompono e bloccano la vena in una determinata area. In questo caso, la circolazione è disturbata al di sotto dell'area in cui si trova la vena occlusa. Entro poche ore si verificano dolore molto intenso, raffreddamento della gamba in piedi, scolorimento (lividi). Questa situazione richiede un intervento chirurgico di emergenza nei primi 4-6. Con l'operazione, il coagulo all'interno della vena viene pulito con l'aiuto di un catetere speciale. Se questo intervento viene ritardato, possono verificarsi danni irreversibili ai tessuti. Dopo l'intervento si ricerca la causa dell'occlusione vascolare e si prosegue di conseguenza il trattamento del paziente.

Ostruzioni croniche

L'aterosclerosi, comunemente nota come arteriosclerosi, è la causa più importante delle occlusioni vascolari croniche (a sviluppo lento). Alti livelli sierici di colesterolo, ipertensione, diabete, fumo, fattori genetici sono tra le cause dell'aterosclerosi. Come risultato dell'aterosclerosi, si forma una placca sulla parete del vaso. E nel tempo, cresce e inizia a bloccare il flusso sanguigno. I sintomi clinici differiscono in base al grado di ostruzione del flusso sanguigno.

In caso di congestione lieve, sintomi come dolore, intorpidimento e debolezza si verificano nella gamba dopo aver camminato a lungo. Con l'aumentare del grado di congestione, il dolore si verifica camminando per distanze inferiori.

Nelle fasi avanzate della malattia, il dolore si manifesta durante il riposo. Le ferite iniziano a verificarsi nei tessuti che non possono essere nutriti e il cui afflusso di sangue è compromesso.

Le prime fasi della malattia richiedono un trattamento chirurgico, mentre vengono somministrate terapie farmacologiche che controlleranno l'aterosclerosi e sosterranno la circolazione periferica. Gli interventi chirurgici generalmente eseguiti sono interventi di by-pass sotto forma di posizionamento di innesti di vene artificiali che consentiranno il trasporto del sangue nell'area al di sotto del vaso occluso.

Malattia di Burger

Un'altra forma comune di occlusione cronica delle arterie è la malattia di Buerger. È una malattia che coinvolge le piccole arterie delle gambe e soprattutto insieme alle piccole vene e alle guaine nervose nei giovani pazienti maschi che sono per lo più fumatori. Ci sono sintomi come dolore alle gambe durante la deambulazione, sensibilità al freddo nelle gambe, attacchi ricorrenti di infiammazione vascolare superficiale. Nei periodi seguenti si osservano frequentemente forti dolori, formazioni di ferite chiamate ulcere e cancrena. Smettendo di fumare nel primo periodo, l'aggravamento della malattia può essere prevenuto in larga misura. Tuttavia, spesso richiede un intervento chirurgico.

La malattia di Raynaud

La malattia di Raynaud è una malattia che colpisce le vene delle dita delle mani e dei piedi, del naso e delle orecchie. Progredisce con attacchi che si verificano con improvviso restringimento dei vasi nelle suddette regioni. Può essere una singola malattia o accompagnare altre malattie, in questo caso si chiama "sindrome di Raynaud". La sindrome di Raynoud si verifica più comunemente con le malattie del tessuto connettivo. Queste malattie causano l'ispessimento della parete del vaso e fanno contrarre i vasi molto rapidamente. Disturbi arteriosi, alcuni farmaci per la pressione sanguigna e l'emicrania possono causare la sindrome di Raynaud.

La sua prevalenza nella comunità è compresa tra il 5 e il 10% e si verifica soprattutto nelle donne di età compresa tra i 15 ei 40 anni. La sua incidenza aumenta nei luoghi con climi freddi. Gli attacchi nei pazienti di solito si verificano con l'esposizione al freddo e talvolta con lo stress. Di solito sono colpite le dita delle mani e dei piedi. Tuttavia, a volte i sintomi si verificano nel naso, nelle labbra e nelle orecchie.

Normalmente, di fronte al freddo, il corpo cerca di ridurre la dispersione di calore per mantenere la sua temperatura. Per questo, le vene sulla superficie sono contratte. Questa risposta è molto improvvisa e grave in quelli con la malattia di Raynaud. Di conseguenza, il flusso sanguigno alle estremità del corpo, mani e piedi, è gravemente ridotto.

Quando inizia l'attacco, le dita delle mani e dei piedi diventano prima bianche, poi lividi e arrossamenti. Tuttavia, il cambiamento di colore in questa sequenza classica potrebbe non verificarsi in tutti i pazienti. Lo sbiancamento è dovuto alla chiusura improvvisa delle piccole arterie delle dita e all'incapacità del sangue ricco di ossigeno di raggiungere i tessuti perché i vasi sanguigni sono chiusi. Nel frattempo, può verificarsi intorpidimento delle dita. Quando le vene si aprono e il flusso sanguigno migliora, il colore diventa rosso. Dopo l'attacco, potrebbe esserci una sensazione di formicolio alle dita. Gli attacchi possono durare da pochi minuti a diverse ore. Poiché la nutrizione dei tessuti è compromessa con attacchi ricorrenti, ulcere e cancrena possono verificarsi sulla pelle sulla punta delle dita.

Lo scopo del trattamento è ridurre la frequenza e la gravità degli attacchi e quindi prevenire danni permanenti ai tessuti. La frequenza e la gravità degli attacchi possono essere ridotte con alcune semplici precauzioni. Il punto più importante è proteggersi dal freddo. È necessario proteggere non solo mani e piedi, ma anche tutto il corpo dal freddo. Oltre a guanti e calzini, è importante anche l'uso di cappelli, poiché il calore corporeo viene in gran parte perso dal cuoio capelluto.

Questi pazienti dovrebbero evitare di fumare. Perché la nicotina può scatenare attacchi. Può essere utile cercare un aiuto professionale per la gestione dello stress.

I bloccanti dei canali del calcio sono la terapia farmacologica più affidabile. Espandono le vene permettendo ai muscoli lisci della parete vascolare di rilassarsi. Gli alfa-bloccanti, che hanno un effetto opposto sull'attività dell'ormone norepinefrina, che causa il restringimento dei vasi, sono un altro gruppo di farmaci utilizzati nel trattamento. Altri gruppi di farmaci possono essere provati nel trattamento dei farmaci vasodilatatori. I metodi chirurgici possono essere applicati per prevenire l'attività del nervo simpatico che causa il restringimento dei vasi nei pazienti gravi con ferite alla punta delle dita (blocco del nervo simpatico o simpaticectomia) Mentre la malattia di Raynaud primaria risponde meglio al trattamento, la sindrome di Raynaud è più difficile da trattare.