Sogno pauroso delle donne: erede inguinale

Il dolore inguinale è una condizione nota in medicina come sindrome da congestione pelvica ed è caratterizzata da vene varicose e accumulo di sangue nell'addome, organi interni nella pelvi, in particolare intorno agli organi femminili, inguinali e tra l'inguine. Prof. Dott. Cüneyt Köksoy ha affermato che le vene varicose si sviluppano durante la gravidanza e progrediscono nel tempo e le varicose possono svilupparsi intensamente sulla parte interna e posteriore della gamba. Questa situazione è anche accompagnata da dolore, pressione e pesantezza all'inguine e al basso addome. La ragione di questa situazione non è nota esattamente.

Come si sviluppano le vene varicose?

Prof. Dott. Cüneyt Köksoy ha spiegato che la congestione venosa pelvica di solito si verifica tra i 20 ei 45 anni e nelle donne che hanno avuto più di una gravidanza.

'' Nel normale funzionamento delle vene, il sangue scorre solo in una direzione e il flusso all'indietro è impedito dalle valvole che si aprono in una direzione. Quando le valvole nelle vene sono rotte, il sangue scorre nella direzione opposta, provocando l'accumulo di sangue nei vasi intorno agli organi interni del bacino, la pressione aumenta e le vene si espandono e la formazione di vene varicose. Con l'accumulo di sangue nelle vene, man mano che le dimensioni delle vene crescono, provoca pressione sui nervi associati e provoca dolore. Generalmente, la perdita (flusso inverso) nella vena ovarica sinistra che si riversa nella vena renale sinistra si verifica nella maggior parte dei pazienti a causa della perdita (corrente inversa) dell'utero e del sangue venoso circostante. ''

Qual è il rapporto di questa situazione con le vene varicose nelle gambe?

Sottolineando che la sindrome da congestione venosa pelvica è molto simile alle vene varicose nelle gambe, il Prof. Dott. Cüneyt Köksoy ha affermato che in entrambe le malattie c'è un deterioramento delle vene e delle valvole: normalmente le palpebre che impediscono la fuoriuscita del sangue sono danneggiate e il sangue si accumula nelle vene gonfie. Nel tempo, le vene varicose si formano intorno all'utero e alla vagina. Questi pazienti hanno anche vene varicose sulle gambe, ma a differenza di altre vene varicose, queste vene varicose sono solitamente vene varicose più piccole ma molto più curve situate sul lato interno della gamba, dell'anca e della schiena. A volte, cercare di essere trattati come le vene varicose classiche può finire molto male.

Qual è il reclamo più comune?

Affermando che il dolore e le vene varicose sono i disturbi più comuni, il Prof. Dott. Cüneyt Köksoy ha sottolineato che il dolore addominale è brusco e non ha un ritmo specifico. Menzionando che può aumentare nel tempo, KÖKSOY ha affermato che di solito si verifica prima delle mestruazioni, alla fine della giornata e soprattutto quando si è in piedi per molto tempo o come risultato della stanchezza. Potrebbe anche esserci dolore durante e dopo il rapporto sessuale. Il dolore può essere di dimensioni tali da influenzare la personalità e le relazioni sociali del paziente. Si verifica nelle fasi successive della gravidanza.

Quali sono gli altri sintomi?

Prof. Dott. Cüneyt Köksoy ha spiegato che altri sintomi, come il dolore, diventano evidenti alla fine della giornata o dopo un rapporto sessuale quando si è in piedi per molto tempo.

Gonfiore intorno all'area genitale esterna

Vene varicose nei genitali esterni, fianchi, inguine e gambe

Sanguinamento mestruale anormale

Dolore quando si tocca la parte inferiore dell'addome

Dolore durante i rapporti sessuali

Mestruazioni dolorose

Mal di schiena

• Perdite vaginali

Sensazione di depressione

Quali altre malattie possono essere confuse con la congestione pelvica?

Oltre a vedere le vene varicose nell'area genitale esterna, i sintomi della congestione venosa pelvica potrebbero non essere facilmente considerati perché sono sintomi che possono essere visti in molte malattie. Le principali malattie che possono avere sintomi simili sono le malattie ginecologiche, tra cui l'endometriosi, i fibromi e il prolasso uterino (prolasso).

Perché la diagnosi è difficile?

Prof. Dott. Cüneyt Köksoy afferma che è difficile fare la diagnosi corretta nei pazienti a causa dell'ampia varietà di sintomi nei pazienti. È facilmente trascurato e diagnosticato in ritardo a causa di sintomi che non sono diretti a una malattia specifica e possono cambiare in gravità nel tempo. La maggior parte di questi pazienti sono quelli che hanno avuto trattamenti convenzionali per le vene varicose.

Trattamento?

Al giorno d'oggi, la chirurgia non è la prima scelta di trattamento nel trattamento della sindrome da congestione pelvica. La chirurgia è il trattamento che verrà utilizzato quando tutti gli altri metodi di trattamento falliscono. Con la chirurgia, le vene varicose nella regione gential esterna vengono rimosse mediante piccole incisioni e vengono corretti i fattori che esercitano pressione sulle vene dell'addome. Anche se l'utero e tutte le vene varicose attorno ad esso vengono rimosse, potrebbe non esserci un sollievo completo.

Cos'è l'embolizzazione (occlusione)?

Grazie agli sviluppi dei metodi angiografici negli ultimi 10 anni, nuovi metodi di trattamento sono venuti alla ribalta nel trattamento della sindrome da congestione pelvica. Fondamentalmente, il processo di occlusione o chiusura della vena da cui provengono le vene varicose allargate intorno all'utero, agli organi interni e agli organi genitali esterni e che causano disturbi è chiamato embolizzazione. Quando la vena in questione è chiusa, il fattore che alimenta le vene varicose scompare, quindi le vene varicose possono essere controllate. L'embolizzazione viene eseguita sotto forma di angiografia entrando nella vena dall'inguine, preferibilmente in anestesia locale, raggiungendo la vena che è la sorgente delle vene varicose con cateteri e l'inserimento di un oggetto o fluido chiamato tappo nella vena dopo l'angiografia. Il tappo inserito crea un coagulo nella vena in cui si trova, causando il blocco del vaso. In questo modo, la perdita nella vena si ferma. La procedura dura in media 1 ora e può richiedere un ricovero ospedaliero notturno. A volte il processo può essere ripetuto più volte. Il più delle volte, la schiuma o la scleroterapia classica viene applicata alle vene varicose dell'area genitale esterna che non scompaiono dopo l'embolizzazione. Dopo l'embolizzazione, le vene varicose all'inguine e alle gambe devono essere rimosse o rimosse con ago terapia.

Quali sono i vantaggi dell'embolizzazione rispetto alla chirurgia?

• È una procedura più leggera: è un intervento che non richiede incisione e può essere sollevato più facilmente dal paziente senza effetti collaterali che possono verificarsi durante l'intervento chirurgico.

• Anestesia: l'anestesia generale non è richiesta.

• Miglioramento dei reclami: l'embolizzazione ha più successo della chirurgia. La maggior parte dei pazienti sperimenta un sollievo permanente nei reclami.

Quali sono i rischi di embolizzazione?

• Lesione vascolare: possono verificarsi sanguinamento, coaguli e formazione di coaguli nell'inguine a seguito di lesioni nelle vene in cui è inserito l'ago e nelle vene attraverso le quali viene fatto avanzare il catetere. Tuttavia, questi effetti collaterali sono molto rari.

• Allergia: si possono osservare reazioni allergiche dovute al farmaco utilizzato nell'angiografia. Tuttavia, poiché tutte le procedure vengono eseguite in sala operatoria e in presenza di medici specialisti, tali rischi possono essere intervenuti in modo rapido ed efficace.

• Tentativi non riusciti: a volte, nonostante l'embolizzazione riuscita, i reclami del paziente potrebbero non regredire.

• Radiazioni: poiché il processo di embolizzazione viene eseguito sotto forma di angiografia, rappresenta un rischio di radiazioni e non può essere utilizzato nelle donne in gravidanza.