Quali sono i sintomi della malattia di Parkinson?

La malattia di Parkinson è un tipo di malattia progressiva e sintomi come tremori di mani, braccia, gambe, mento e viso peggiorano nel tempo. Con il progredire della malattia, la persona potrebbe avere difficoltà a camminare, parlare e potrebbe non essere in grado di soddisfare da sola le sue semplici esigenze quotidiane.

Non esiste una cura per il morbo di Parkinson, ma alcuni farmaci possono alleviare i sintomi della malattia. In alcuni casi, varie parti del cervello possono essere intervenute chirurgicamente per migliorare i sintomi.

Sintomi di Parkinson

Nella malattia di Parkinson, la produzione di dopamina, una sostanza chimica importante che influenza i movimenti del corpo e l'umore della persona, si arresta. Quando la quantità di dopamina diminuisce, emergono i sintomi causati dalla malattia di Parkinson.

I sintomi della malattia possono variare da persona a persona ei primi sintomi possono essere troppo lievi per essere notati. I sintomi iniziali di solito colpiscono un lato del corpo e si diffondono a entrambi i lati con il passare del tempo.

Agitare: Tremori alle mani, movimenti incontrollati del pollice, lievi tremori al mento e alle labbra sono i sintomi più comuni del Parkinson. Questi tremori possono essere accompagnati da contrazioni dei muscoli delle gambe.

Tuttavia, il punto da notare qui è che non tutti i tremore alle mani significano la malattia di Parkinson. Le tue mani possono vibrare più del solito dopo aver sollevato carichi pesanti, dopo un lavoro in cui usi le mani in modo intensivo o come effetto collaterale di un farmaco che prendi. Il tremore osservato nella malattia di Parkinson si verifica quando le mani sono a riposo.

Movimento lento (bradicinesia): La malattia di Parkinson rende difficile muoversi nel tempo, facendo sì che anche semplici attività fisiche vengano svolte per lunghi periodi. Ad esempio, i gradini diventano più piccoli mentre si cammina. Poiché il paziente trascina i piedi mentre cammina, diventa difficile camminare.

I malati di Parkinson lo descrivono come "come se i miei piedi fossero bloccati a terra". Inoltre, a causa dell'indurimento dei muscoli, la mobilità è limitata e durante il movimento può verificarsi dolore. Non oscillare le braccia mentre si cammina, dolore / rigidità alle spalle e all'anca sono altri sintomi del Parkinson che influenzano il movimento ei muscoli.

Scrittura a mano che si restringe: Cambiamenti improvvisi nella scrittura a mano possono essere un segno della malattia di Parkinson. Nella scrittura a mano, le lettere possono diventare più piccole e le parole possono diventare più vicine e complesse. Con l'avanzare dell'età, è normale che la scrittura a mano cambi a causa di dolori articolari e disturbi della vista, ma questa situazione non si verifica all'improvviso come nel morbo di Parkinson, si sviluppa nel tempo.

Cambiamenti nel parlare: Cambiamenti nel linguaggio come parlare più velocemente del normale o con una voce più bassa, non fermarsi tra le frasi mentre si parla, esitare prima di iniziare a parlare, diminuire i movimenti delle mani e dei movimenti facciali e rendere il discorso monotono possono essere un segno del Parkinson.

Altri sintomi del Parkinson

Problemi nel catturare odori anche acuti a causa della ridotta capacità di annusare.

A causa del Parkinson, la postura può essere compromessa, la persona può essere curva e può avere problemi di equilibrio e coordinazione.

Calci, pugni o cadute dal letto durante il sonno profondo sono sintomi del Parkinson.

Il problema della stitichezza, che diventa più frequente a causa della diminuzione dei movimenti intestinali, è uno dei primi sintomi della malattia di Parkinson.

Poiché le imitazioni sono ridotte, diventa difficile capire l'umore della persona a causa di esso. Può essere un'espressione facciale seria e costante.

Con il progredire della malattia, possono verificarsi difficoltà a deglutire.

A seconda della malattia, l'umore della persona può variare. La depressione è comune.

Si possono osservare incapacità di urinare e difficoltà a trattenere l'urina.

La pressione sanguigna può diminuire e problemi quali vertigini e oscuramento degli occhi possono diventare più frequenti.

Cause della malattia di Parkinson

La causa esatta del morbo di Parkinson, ovvero il motivo per cui si manifesta in alcune persone e non in altre, non è chiara. Tuttavia, è noto che alcuni fattori aumentano il rischio di Parkinson.

Gli esperti dicono che le mutazioni nei geni possono causare il Parkinson, ma considerando il numero di malati di Parkinson in tutto il mondo, è difficile affermare che queste rare mutazioni siano l'unica causa della malattia.

Un altro fattore che si dice possa causare il morbo di Parkinson sono alcune tossine. Tuttavia, pochissime persone sono esposte a queste sostanze tossiche.

Oltre a questi, ci sono alcuni gruppi in cui il Parkinson è più comune a seconda dell'età, del sesso e delle caratteristiche ereditarie. Ad esempio, il Parkinson è una malattia più comune negli adulti di età superiore ai 50 anni. È anche più comune negli uomini che nelle donne. Le persone con la malattia di Parkinson nei loro familiari contraggono maggiormente questa malattia.

Di conseguenza, non ci sono informazioni sufficienti su ciò che causa il Parkinson e sono necessarie molte più ricerche in questo settore.

Trattamento della malattia di Parkinson

Sebbene non esista ancora un metodo di trattamento definitivo per il Parkinson, i problemi causati dalla malattia possono essere tenuti sotto controllo e la persona può continuare la sua vita normale.

Sebbene non sia possibile invertire la malattia e far sì che le cellule cerebrali morte producano nuovamente dopamina, alcuni farmaci utilizzati nel trattamento del Parkinson possono essere convertiti in dopamina dal cervello.

Alcuni altri farmaci hanno un effetto simile alla dopamina senza bisogno di essere convertiti in dopamina. Questi farmaci ritardano i problemi causati dalla malattia di Parkinson, in particolare alleviano i problemi causati dalla fase iniziale della malattia.

Il controllo dei problemi causati dalla malattia di Parkinson dipende in gran parte dalla diagnosi precoce della malattia.

Nel trattamento del Parkinson, oltre alla terapia farmacologica, può essere utilizzato un metodo chirurgico chiamato "stimolazione cerebrale profonda", che viene eseguita posizionando elettrodi in varie parti del cervello.

In questo metodo, gli elettrodi che emettono onde elettriche a causa di un generatore posizionato nell'area del torace vengono utilizzati per alleviare i sintomi del Parkinson. Il metodo di stimolazione cerebrale profonda viene generalmente utilizzato nei pazienti con Parkinson avanzato che non rispondono alla terapia farmacologica.

Va tenuto presente che il morbo di Parkinson è una malattia che progredisce nel tempo. Alcune persone possono diventare gravemente disabili a causa di una malattia, ma alcuni pazienti potrebbero subire lievi interruzioni motorie.

Per alcuni pazienti, i tremori alle mani sono il problema più importante, mentre per altri, i tremori alle mani possono essere un problema minore tra gli altri problemi. Per questo motivo, nessuno può fare una previsione accurata sulla progressione della malattia e sui sintomi da vedere.

Regolazione dello stile di vita

Alcuni cambiamenti nello stile di vita possono aiutare ad alleviare i problemi causati dalla malattia. Ad esempio, una dieta in cui si consumano più frutta e verdura fresca, cibi integrali e cibi ricchi di fibre può eliminare la stitichezza dovuta alla malattia.

Gli esercizi regolari possono aiutare a mantenere la forza muscolare, la flessibilità e l'equilibrio. L'esercizio fisico è anche molto efficace nel trattamento dell'ansia e della depressione comuni nei pazienti con Parkinson. Tuttavia, è importante non muoversi velocemente durante l'esercizio a causa di problemi di equilibrio, fare attenzione che il tallone tocchi prima il suolo e guardare avanti invece che a terra mentre si cammina, al fine di prevenire lesioni dovute alla caduta.

Metodi di trattamento alternativi e di supporto

Studi in quest'area rivelano che alcuni metodi di trattamento alternativi e integratori alimentari sono efficaci in alcuni pazienti.

Coenzima Q10: Il coenzima Q10, una sostanza naturale simile alla vitamina che aiuta a trasportare gli elettroni tra le cellule, è particolarmente utile nelle prime fasi della malattia. Gli integratori alimentari contenenti coenzima Q10 sono disponibili senza prescrizione medica. Inoltre, pesce, carne rossa, frattaglie, pollame, arachidi e olio di soia sono tra gli alimenti ricchi di coenzima Q10.

Massaggio: Il massaggio professionale aiuta a rilassare i muscoli induriti a causa del Parkinson e rilassare il paziente.

Agopuntura: Il dolore muscolare può essere alleviato con l'agopuntura.

Yoga / meditazione: I movimenti yoga volti ad allungare i muscoli possono migliorare / mantenere la postura della persona. La meditazione, d'altra parte, riduce lo stress e l'ansia e aumenta l'umore.

PARKÄ°NSON NON È FINE!