Il risveglio miracoloso del dottore da 2,5 mesi di sonno profondo

Volga Yaşar, medico al pronto soccorso da 25 anni, è collassato quando era con sua moglie 2,5 mesi fa. Sua moglie, Aygül Yaşar, che era un'infermiera di emergenza e di terapia intensiva, ha fatto nei primi secondi il necessario intervento di vitale importanza per sua moglie, che è svenuta accanto a lui. Yaşar, che è stato immediatamente portato in ospedale, cadde in un sonno profondo. Nel cervello di Yaşar si era verificata la rottura di una bolla, cioè un aneurisma cerebrale, che era a rischio di morte a un tasso superiore al 90%. Se fosse sopravvissuto, probabilmente sarebbe stato costretto a letto, o la sua coscienza non si sarebbe aperta affatto. Yaşar, nell'unità di terapia intensiva del Memorial Antalya Hospital, Uz. Dott. È stato sottoposto a un trattamento severo da Erhan Özden. Dopo un intervento chirurgico riuscito, è tornato alla sua vecchia vita, anche se nessuno pensava che fosse possibile.

SECONDO FOLLOW-UP

Spiegando che Yaşar era completamente incosciente quando è stato portato in ospedale, ha avuto poca reazione al dolore. Özden ha detto: "Abbiamo visto che il sanguinamento era comune nel cervello. Abbiamo iniziato il trattamento per prevenire la ripresa del sanguinamento e impedire che la regione sanguinante esistente danneggiasse altri tessuti del cervello. Dovevamo stare molto attenti perché il cervello poteva essere danneggiato. in pochi minuti e dovevamo preparare rapidamente il paziente per l'intervento chirurgico. 24 ore dopo, il paziente. poteva essere operato ", ha detto. Spiegando che dopo l'intervento chirurgico di successo, sono entrati in una nuova sfida che richiede un follow-up secondo per secondo, Uz. Dott. Özden ha spiegato il processo come segue: "Esiste il rischio di restringimento da 3 a 10 vasi e sanguinamento di nuovo dopo l'intervento chirurgico. Nei pazienti con aneurisma, il danno più grave può verificarsi durante il primo intervento o in caso di sanguinamento e restringimento di i vasi dopo l'intervento chirurgico. Il processo di terapia intensiva si basa sulla loro prevenzione. Durante questo processo che richiede un follow-up ininterrotto, la pressione sanguigna, la febbre, la glicemia e il livello di anidride carbonica del nostro paziente sono stati mantenuti a un certo livello. grazie ".

'Devo la vita a mia moglie'

Dicendo che deve la sua vita all'intervento di sua moglie, Yaşar ha detto: "Se mia moglie Aygül non era con me in quel momento, ho perso la vita in quei primi secondi. Sono rinato nell'ospedale dove ho lavorato come medico." Quando Yaşar ha aperto gli occhi, ha affermato che la sua prima sensazione è stata "stupore". Ha dichiarato di aver capito all'improvviso cosa gli era successo come medico e poi, grazie alla sua caparbietà nota a tutti, è tornato in vita facendo la sua parte per riprendersi. "Il più grande risultato della mia vita è che sono stato in grado di tornare alla mia appassionata professione di medico, 6 mesi dopo il giorno in cui sono crollato tra le braccia di mia moglie", ha detto.