Kefir e sottaceti sono indispensabili per intestini felici!

Si chiama il secondo cervello del corpo per l'intestino. Dati scientifici recenti ci consentono di giungere a una conclusione simile; Il nostro intestino, che è la parte più importante del nostro sistema digestivo e fornisce l'assorbimento dei nutrienti, ospita 100 trilioni di microrganismi. Questo numero corrisponde a 10 volte il numero di cellule nel corpo umano. Quindi, come dovremmo mangiare per mantenere la salute del nostro intestino? Medical Park Fatih Hospital Specialista in malattie interne Asst. Assoc. Dott. Mustafa Genco Erdem ha formulato le seguenti raccomandazioni: Gli alimenti "probiotici", che contengono microrganismi che regolano la flora intestinale e aiutano a mantenerne la continuità, sono molto importanti per la salute intestinale.

Yogurt: Lo yogurt fatto in casa (fermentato) con batteri amici è amico dell'intestino con il suo alto contenuto di probiotici. Poiché può prevenire la diarrea che può verificarsi negli utenti di antibiotici, può anche essere efficace nel risolvere la malattia chiamata "sindrome dell'intestino irritabile" (IBS) con attacchi di diarrea, costipazione e distensione addominale.

RICEVI QUELLI FATTI IN CASA

Kefir: L'esempio più tipico di un probiotico è il kefir. Il kefir è anche ricco di probiotici rispetto allo yogurt. Un bicchiere di kefir al giorno è un'azione che anche chi è allergico ai latticini può facilmente svolgere e beneficiare.

Salamoia: Soprattutto i sottaceti fatti in casa sono efficaci nel proteggere la salute intestinale con i probiotici che contengono in grandi quantità.

Grazie all'elevata quantità di fibre che contengono, sono doppiamente utili, soprattutto per chi ha problemi di stitichezza, in quanto assicurano un passaggio regolare delle feci attraverso l'intestino. Naturalmente, non va dimenticato che, poiché contiene alto contenuto di sale, cuore e ipertensione arteriosa, i pazienti dovrebbero limitare il consumo di sottaceti.

Tempeh, natto e miso: Questi tre alimenti, che sono frequentemente consumati nei paesi dell'Estremo Oriente e ottenuti dalla soia con vari metodi di fermentazione, sono considerati i motivi della longevità giapponese perché contengono alti probiotici. Oltre agli effetti protettivi di questi alimenti, che oggi possiamo ritrovare sugli scaffali del mercato, sulla salute intestinale; È stato dimostrato da vari studi che ha anche effetti protettivi sul riassorbimento osseo, cancro e ictus (ictus).

NON DIMENTICIAMO IN PREBIIO TICS

Chiamiamo alimenti prebiotici con fibre generalmente indigeribili che sono efficaci nell'alimentazione di microrganismi probiotici, aumentandone il numero e mantenendo così la continuità della flora intestinale. Tra i prebiotici più potenti conosciuti ci sono gli alimenti comunemente usati nella nostra cucina:

Gomma / polvere di acacia: contiene l'85% di prebiotici e può essere particolarmente utile nel trattamento della sindrome dell'intestino irritabile.

Cicoria: è una delle fonti prebiotiche più ricche conosciute con fino al 65% di fibre. Può essere consumato come insalata o bollito.

Carciofo di Gerusalemme: contiene il 31,5% di fibre prebiotiche.

Radika: contiene il 24,3% di fibre prebiotiche. Trova spesso posto nelle insalate uniche dell'Egeo.

Aglio fresco / essiccato: contiene il 17,5% di fibre prebiotiche.

Porro

Cipolla Verde / Secca

Asparago

Banana

La caratteristica comune degli alimenti prebiotici è che alimentano i batteri amici nell'intestino e quindi garantiscono la continuità della flora intestinale; Grazie all'alta fibra che contengono, aiutano a migliorare condizioni come la stitichezza e la sindrome dell'intestino irritabile.

MANGIARE BANANA E MANGO

La continuità dei movimenti intestinali è assicurata dal consumo di alimenti ad alto contenuto di fibre; In questo modo, la stitichezza non è un problema. Si raccomanda che il consumo giornaliero di fibre sia di 25 grammi per le donne e di 38 grammi per gli uomini. Una dieta ricca di fibre ha probabilmente un effetto protettivo sul cancro intestinale abbreviando la durata delle feci nell'intestino (provocando così un minor contatto della parete intestinale con le sostanze nocive nelle feci).

Alimenti in fibra solubile; Mela, arancia, pera, cetriolo, mirtillo, zucca, semi di zucca, semi di lino, semi di chia sono efficaci nell'abbassare il colesterolo cattivo (LDL), equilibrare il livello di zucchero, ridurre il rischio di diabete e malattie cardiache.

Alimenti con fibre insolubili; Bulgur, cereali integrali, grano intero, broccoli, cavoli, cipolle, pomodori, cetrioli, carote, piselli, uva, frutta sono la buccia e prevengono la stitichezza oltre a prevenire le emorroidi e la malattia dei diverticoli. Due importanti alimenti ricchi di fibre sono:

Banana: Oltre ad avere un alto contenuto di fibre, riduce l'infiammazione nell'intestino grazie al suo alto contenuto di potassio e magnesio e aiuta i batteri amici nell'intestino a convivere in armonia.

Mango: Oltre a proteggere la salute intestinale con il suo alto contenuto di fibre e sostanze bioattive, è stato dimostrato da vari studi che previene l'aumento di peso nelle persone che adottano una dieta ricca di grassi. L'aceto di mele contiene "pectina", un prebiotico importante. Oltre a supportare i batteri probiotici, può aiutare a curare la sindrome dell'intestino irritabile e la malattia da reflusso.

LASCIARE IL POTERE DELL'OMEGA-3

Il consumo di cibi ricchi di Omega-3, come salmone, noci e semi di chia, è efficace nel mantenere la continuità dei batteri amici e ridurre l'infiammazione a livello intestinale. Il salmone di cui stiamo parlando qui è il salmone di mare aperto e questo effetto è molto limitato nel salmone d'allevamento.