Cosa dovrebbero fare i pazienti con attacchi di panico?

CHE COS'È UN ATTACCO DI PANICO? COME STA IL PAZIENTE DURANTE UN ATTACCO DI PANICO? L'attacco di panico è un disturbo che si presenta sotto forma di convulsioni, che coinvolge sentimenti di ansia, paura e angoscia (come la paura della morte). Può essere visto con problemi psicologici o alcune malattie.

Cos'è un attacco di panico? Chi ha gli attacchi di panico? Qual è il trattamento per gli attacchi di panico?

Il paziente è in completa paura durante un attacco improvviso. Pensa che morirà, che ha un problema al cuore, che avrà un infarto. L'attacco assume la sua forma più grave entro 10 minuti. Il paziente consulta un medico in preda al panico. Pensa di svenire, che succederanno cose molto brutte. Dopo mezz'ora l'attacco comincia a passare. La persona si sente molto stanca ed esausta. Non vuole fare niente. Non ha pazienza, non vuole essere solo. Si sente al sicuro con qualcuno. QUALI SONO I SINTOMI DI UN ATTACCO DI PANICO? Ci sono 13 sintomi di attacco di panico. Se ce ne sono almeno 4, è più probabile che abbia attacchi di panico.
  • Palpitazioni, cuore che batte forte e palpitante,
  • Sudorazione (vampate di calore, brividi),
  • Agitare,
  • Difficoltà a respirare, paura di soffocare, soffocare,
  • Vertigini, non pensare che svenirai,
  • Nausea, eruttazione, dolore addominale,
  • Essere senza fiato, pensare che l'aria che si respira non basta, fare respiri profondi,
  • Oppressione toracica, dolore,
  • Incapacità di sentire se stessi, autoalienazione, difficoltà di percezione (spersonalizzazione),
  • Pensando che l'ambiente non sia reale (derealizzazione),
  • Avere paura di morire
  • Pensando che diventerai pazzo, paura di ferire qualcun altro,
  • Intorpidimento e formicolio nel corpo.
DOVE È UN ATTACCO DI PANICO? QUALI SONO I TRIGGER? Spesso si verifica senza una ragione apparente. Si pensa che derivi da sostanze chimiche nel cervello o come risultato della perdita di funzione del lato del cervello. Può verificarsi da solo o con varie malattie. I sintomi iniziano ad apparire nel paziente. Vivere una vita stressante scatena attacchi di panico. Oltre a queste, le seguenti situazioni possono causare attacchi di panico:
  • Epilessia, cardiopatia polmonare,
  • Carenza di vitamine, alimentazione con cibi contenenti caffeina,
  • Problemi alla tiroide, eccessiva secrezione di adrenalina,
  • Basso livello di zucchero nel sangue, anemia, tumore al cervello,
  • A causa degli effetti collaterali dei farmaci,
  • Essere in luoghi ristretti, luoghi affollati,
  • Depressione, disturbi nervosi,
  • Può verificarsi a seguito dell'uso di stimolanti e della brusca interruzione di questa sostanza.
CHI HA UN ATTACCO DI PANICO? CHI SONO A RISCHIO? La prevalenza nella comunità varia tra l'1-3%. Può verificarsi a qualsiasi età, di solito negli anni venti. È leggermente più probabile che venga visto nelle donne. Anche le caratteristiche genetiche sono efficaci. È più comune in quelli con parenti stretti con disturbo di panico. Alcune persone esitano a esprimersi in pubblico. Coloro che vivono sotto pressione costante, che sono introversi, che non condividono i loro problemi con nessuno possono essere visti in persone che conducono una vita asociale. È sbagliato sopprimere i propri impulsi. Deve esprimere la sua rabbia, tristezza, sessualità. Se questi vengono soppressi o bloccati da altri, provoca il disturbo di panico. Le persone che usano sostanze che creano dipendenza, coloro che si sentono in colpa, le persone che sono preoccupate per i problemi e coloro che hanno una natura perfezionista possono avere il disturbo di panico. ATTACCO DI PANICO E DISTURBO DI PANICO SONO LA STESSA? Attacchi di panico e disturbi di panico non sono la stessa cosa. Il disturbo di panico si presenta sotto forma di ansia e paura costanti, pensando che avrà un attacco di cuore, morirà, ricadute e paralisi. Non si verifica a causa di un altro disturbo. Questo disturbo può essere riscontrato in due modi: con o senza agorafobia. L'agorafobia è la paura di essere soli. Si vedono situazioni come stare lontano da luoghi affollati, non voler stare da soli a casa. Ha paura di uscire da solo e smette di essere socievole. COSA PU FARE IL PAZIENTE DURANTE L'ATTACCO? Devi sederti o sdraiarti. Di 'a te stesso che questo è solo un attacco, non qualcosa di cui aver paura, e aspetta che l'attacco passi. Durante l'attacco, è necessario evitare discussioni sconvolgenti ed eccitanti. Dovresti stare lontano dalle bevande contenenti caffeina, dal fumo e dall'uso di alcol. Prova a controllarti. Non respirare profondamente durante l'attacco, perché i sintomi aumentano. Puoi respirare in una borsa fino a quando la crisi non passa.