Modi per sbarazzarsi della depressione postpartum

Dopo il parto; È il periodo che inizia con la nascita, che dal punto di vista medico si riferisce alle prime sei settimane, quando i cambiamenti che si verificano durante la gravidanza scompaiono lentamente. Tuttavia, il recupero completo richiede fino al giorno in cui la donna smette di allattare.

Durante questo periodo, nelle donne si verificano alcuni cambiamenti fisici e mentali. Più della metà delle donne in età fertile sperimenta un periodo di ansia chiamato malinconia, tristezza o tristezza postpartum (baby blues), che inizia entro pochi giorni dalla nascita e scompare spontaneamente entro poche settimane. Ogni donna incinta sana può sperimentare questo periodo di ansia dopo il parto.

Prof. Dr. Florence Nightingale Hospital. Herman İŞÇİ ha affermato che c'erano una ventina di sindromi psichiatriche durante il puerperio. I più comuni di questi sono la depressione postpartum, la psicosi postpartum, la perdita della libido, il panico puerperale e il rigetto del bambino.

Se il periodo di tristezza o ansia dura più di un mese e la madre ha difficoltà a soddisfare i bisogni del bambino, può essere menzionato come depressione postpartum.

La tristezza e la depressione postpartum non devono essere confuse con la psicosi puerperale, che inizia con la nascita del bambino e compare all'improvviso e progredisce con sintomi più gravi.

CHI È PIÙ VISITATO?

La tristezza postpartum può essere vista in tutti. I principali fattori di rischio per le forme gravi (depressione post-partum e psicosi) sono la mancanza di interesse per un coniuge o un parente stretto. Anche:

-Gravidanza e problemi psicologici non riconosciuti nelle donne,

-Il coniuge ha problemi psicologici,

-Il coniuge non lavora,

-Basso livello di istruzione,

-Poca età materna,

-Problemi economici,

Violenza domestica,

- Gravidanze indesiderate o non pianificate,

Non essere sposato

- Aver avuto problemi medici e / o mentali e preoccupazioni per il bambino o la madre durante la gravidanza,

Gravidanza ottenuta con il trattamento,

Nascita prematura del bambino,

-Nati difficili e problematici,

- Il pensiero che il matrimonio sia influenzato negativamente dalla nascita del bambino,

Avere una malattia cronica nel bambino,

Dolorosi problemi postpartum come punti che richiedono molto tempo per guarire, infezioni al seno,

-Insonnia,

-Può essere considerata inesperienza alla prima nascita.

I FATTORI GENETICI HANNO UN EFFETTO?

I fattori genetici possono avere un effetto. Tuttavia, è noto che gli individui della famiglia sono modelli di ruolo in alcuni problemi psicologici. La combinazione di predisposizione genetica, modelli di comportamento appresi, negatività dell'ambiente sociale e cambiamenti ormonali rivela il quadro.

Vivere la depressione prima o durante il parto, avere una storia familiare di depressione e / o depressione postpartum provoca un aumento della prevalenza della depressione durante il puerperio. Una donna con una precedente storia di depressione postpartum raddoppia la frequenza di avere un nuovo episodio di depressione nei prossimi 5 anni. La probabilità di depressione nel periodo postpartum per le donne che hanno avuto una depressione in gravidanza è 6 volte superiore.

Nel dolore postpartum; Stato d'animo ansioso, panico, sensazione di non essere in grado di tenere il passo con tutto sono in prima linea. Tuttavia, la madre sta cercando di soddisfare le esigenze del bambino in ogni caso e non c'è diminuzione del suo interesse per il bambino.

Nella depressione postpartum, vediamo che la madre è riluttante e inadeguata a soddisfare i bisogni del suo bambino. Si dovrebbe prestare attenzione al dolore postpartum prolungato o frequente. Dopo un esame psichiatrico, può essere fatta una diagnosi di depressione postpartum.

- debolezza, esaurimento,

- Non essere in grado di godersi la vita, stare lontano dalla famiglia e dagli amici

-Difficoltà di focalizzazione, scarsa memoria

Insonnia o tendenza al sonno eccessivo

- Mancanza di appetito, perdita di appetito, eccesso di cibo

Tristezza di origine sconosciuta, sensazione di vuoto o eccessiva insensibilità,

- Irrequietezza, nervosismo,

Incantesimi di pianto

Non pensare che non sia amato

- Mancanza di interesse per il bambino,

Paura di danneggiare il bambino e un senso di colpa,

I pensieri suicidi occasionali sono sintomi della depressione postpartum.

I sintomi possono essere più pronunciati la sera. Nella psicosi postpartum, c'è una pausa dalla vita reale. Si possono osservare risposte emotive eccessive, andare alla deriva tra gli estremi, pensieri volanti, allucinazioni e comportamenti che causano danni a se stessi e al loro ambiente.

QUAL È IL PUNTO PEGGIORE PER LA SINDROME DELLA PERSONALITÀ?

La tristezza postpartum si risolve spontaneamente.

La depressione postpartum di solito si risolve con l'assistenza medica di quasi il 100%.

La psicosi postpartum è importante. Se non viene notato dai parenti in breve tempo e il supporto medico non viene avviato, la persona può danneggiare se stessa e l'ambiente circostante e, molto raramente, il suo bambino.

Le sindromi mentali osservate nel puerperio a volte possono essere intrecciate. Un grave rigetto del neonato può essere osservato in una lieve depressione postpartum. Le persone intorno a lui potrebbero dover abbandonare il bambino nei luoghi di culto, picchiarlo, morderlo, strangolarlo, bruciarlo, morire di fame e disidratarlo, e anche raramente ucciderlo.

COME È IL TASSO DI SOCIETÀ?

Il dolore postpartum è visto nel 50-70% delle donne in puerperto.

La probabilità di depressione postpartum è di circa il 10-20%.

Rigetto del bambino, lievi danni al bambino, panico postpartum sono visti intorno all'1%.

La psicosi postpartum è vista meno di 1 su mille.

Il suicidio è molto raro, l'infaticidio (infanticidio) è molto meno comune.

QUALI SONO I DOVERI DELLE DONNE E DEI FAMILIARI?

Quasi la metà delle sindromi postpartum non vengono diagnosticate e quindi non trattate. Poiché la madre pensa che il peggioramento dell'umore inizi con la nascita del bambino, può portare a difficoltà di comunicazione con il suo bambino e, in futuro, a effetti negativi sullo sviluppo comportamentale e cognitivo di questi bambini. Per questo motivo, la valutazione dei fattori di rischio di depressione postpartum da parte del medico che ogni gestante va a regolare follow-up di gravidanza può aiutare ad avviare il trattamento con diagnosi precoce.

Il sostegno ambientale, in particolare il sostegno del coniuge, è molto importante nel dolore postpartum. Il modo più importante per il puerperante di sbarazzarsi dell'ansia è farlo sentire al sicuro. Sapere che non è solo e che sarà con sua moglie e la sua cerchia sociale in tutti i suoi guai rende il puerperante molto a suo agio. Il dovere del coniuge è di correre ad ogni richiesta di aiuto con pazienza durante questo periodo.

Durante questo periodo, è necessario assicurarsi che la madre non cerchi nient'altro che l'allattamento al seno. Una sorella maggiore della famiglia dovrebbe assistere in altre attività diverse dall'allattamento al seno, come cambiare il pannolino del bambino, fare il bagno, dormire. Il puerperante non dovrebbe svegliarsi ad ogni grido. Se altri membri della famiglia si prendono cura del bambino con lievi mormorii, la frequenza del risveglio della madre diminuisce. Poiché il bambino non tacerà nella vera fame, la madre dovrebbe iniziare l'allattamento al seno e dovrebbe essere impegnata solo in questo compito. La presenza di una sorella affidabile che si prende cura del bambino impedisce alla madre di svegliarsi spesso preoccupandosi "il mio bambino sta bene?"

Dopo che la pancia del bambino è caduta, fare passeggiate con il bambino, incontrarsi con gli amici a casa o fuori ridurrà i problemi. Chiacchierare con mamme esperte o anche sfogliare i blog delle mamme su Internet sarà utile. Dovrebbe essere assicurato che il puerperante dedichi del tempo a se stesso, a parte il suo bambino.

Sarebbe opportuno cercare assistenza medica nei casi di ansia che non migliorano con queste misure e si ripresentano costantemente. Le psicoterapie semplici sono utili nella depressione postpartum. Il farmaco è raramente richiesto.

Il trattamento non è facile in situazioni psicotiche intrecciate. Potrebbe essere necessario ricoverare il puerperante e interrompere l'allattamento al seno. Possono essere utilizzate anche terapie con elettroshock, che agiscono più velocemente delle terapie farmacologiche.

I problemi psichiatrici possono peggiorare in proporzione alla gravità del quadro sottostante. Le possibilità di ricaduta dipendono anche dalla malattia sottostante. Le sindromi postpartum possono ripresentarsi in qualsiasi periodo postpartum e il loro peso può essere alto o basso. La gravidanza e il periodo postpartum dei pazienti con sindromi puerperali dovrebbero essere seguiti attentamente e il loro ambiente sociale dovrebbe essere avvertito.