Come diventare un anestesista?

L'anestesia generale è l'anestesia di tutto il corpo con l'aiuto di agenti anestetici. A causa di questo processo, le procedure vengono eseguite con la massima cura per non danneggiare le funzioni vitali del corpo. L'anestesia locale, d'altra parte, significa intorpidire una certa area del corpo che verrà trattata. Durante l'anestesia locale, la coscienza non è chiusa, solo una certa parte del corpo è insensibile. Sebbene l'anestesia fosse applicata solo per porre fine al dolore nei primi giorni, oggi l'area di utilizzo dell'anestesia è piuttosto ampia. Oltre a svolgere un ruolo nel porre fine al dolore, l'anestesia viene utilizzata anche nelle unità di terapia intensiva e nelle banche del sangue.

Come diventare un anestesista?

Generalmente, l'anestesista e il tecnico di anestesia sono spesso confusi tra il pubblico in generale. Tuttavia, queste due professioni differiscono l'una dall'altra in determinati punti. La prima condizione per essere un anestesista è essere un laureato in medicina. Dopo la laurea presso le facoltà di medicina di 6 anni delle università, è necessario superare l'esame TUS (Medical Specialization Examination) che si tiene ogni anno e specializzarsi in questo campo. Anche il reparto di anestesiologia è da 4 anni. In altre parole, uno studente che è appena entrato alla facoltà di medicina ha almeno 10 anni per diventare anestesista.

Durante i 4 anni di tirocinio in anestesia, viene assegnata sia alle sale operatorie che ai policlinici. Alla fine di questo processo trascorso come assistente di anestesia, è possibile ottenere il titolo di anestesista.

Qual è il compito dell'anestesista?

I pazienti da operare vengono sottoposti a una serie di test preoperatori. Dopo i risultati di questi test, i risultati vengono inoltrati all'anestesista. Alla luce dei risultati di questi test, l'anestesista decide se il paziente è idoneo all'intervento e quali procedure verranno eseguite durante l'intervento. Dopo il completamento dell'intervento, è anche tra i doveri dell'anestesista risvegliare il paziente.